Cosa Vedere a Montpellier

Montpellier, fascinosa e raffinata città situata nel sud della Francia nella regione di Languedoc-Roussillon, di cui è capitale, e a ridosso del Mar Mediterraneo. Ricca di cose da vedere e da fare, tra spiagge, musei, mercatini ed eventi di vari genere. Inoltre nota perchè si trova proprio nel cuore del più grande vigneto di tutta Europa.

A pochi chilometri dal centro della città, circa 11-12 km più o meno, si trovano le spiagge con il loro mare trasparente e cristallino, facilmente raggiungibili con qualsiasi mezzo, e l’ideale per passare una giornata al sole ed in assoluto relax.
Per chi ama fare un pò di moto invece, è possibile raggiungere le spiagge anche con una bicicletta che si può prendere a noleggio attraverso un servizio che si chiama Velomagg, e percorrendo l’apposita pista ciclabile che parte dalla città e arriva dritta dritta al mare.

Se preferisci rimanere in città, puoi fare un tour mattutino per i mercatini di zona che offrono ogni sorta di oggetti caratteristici e souvenir ma anche frutta e verdura squisita.
Oppure dopo una giornata in spiaggia, ci si può dividere tra i negozietti artigiani e le boutique e gioiellerie di gran lusso del centro storico e del quartiere Saint Roch.
Infine fare un sosta in uno dei locali della zona, tipo Theobroma, la cui specialità è la cioccolata e dolcetti insoliti e particolari.

A circa 25 chilometri da Montepellier si trova l’immenso vigneto di Pic Saint Loup, il più grande di tutta l’Europa.
Qui puoi fare lunghe passeggiate in mezzo la natura tra le valli dei vigneti, e andare alla scoperta dei vini più buoni e dei sapori della cucina locale.
Puoi anche decidere si soggiornare in questa zona grazie alla presenza di Bed and Breakfast.

Cosa Vedere a Vienna

Vienna è una bellissima città culturale e cosmopolita. La capitale austriaca vanta di grandi tradizioni, architettura storica, moderna e attrazioni che troverai unici in tutti gli aspetti. Se hai intenzione di visitare Vienna, certo che troverai il benvenuto in una città sontuosa e imperiale..

Pensi a un viaggio estivo?
Nei mesi di giugno e agosto, un pò come da noi, Vienna ha il suo picco di temperature (fino a 22° C in giugno, 25°C in luglio, e 24°C in agosto). Vienna offre una scaletta molto buona di eventi e attività per i turisti. Nel mese di giugno, per esempio, si può godere il Donauiselfest, un concerto all’aperto, che è considerato il momento cloù della stagione dei festival musicali. Altri eventi di musica si possono vedere al festival Norva Rock e il Festwhochen Wiener. Tante altre presentazioni artistiche e culturali si svolgono nei luoghi chiave della città.

Se consideri una vacanza in primavera.
La primavera, che cade dal mese di marzo a maggio, ha temperature più amichevole e una popolazione turistica molto inferiore alla stagione estiva. Questo consente quindi un’ esperienza turistica più tranquilla e con più tempo per le attività all’aperto. Nel mese di maggio in particolare, è possibile assistere a una vasta gamma di festival musicali e concerti. Tutti questi cominciano la stagione dei festival di musica che continuerà fino ad agosto.

Se vuoi passare l’autunno a Vienna.
La cultura artistica viennese è ancor più evidenziata nel mese di settembre, per esempio musei e produzioni di teatro e opera cominciano ad aprire proprio questo mese. In questo periodo la città organizza anche un festival di letteratura.
A settembre è il momento della vendemmia, quindi se vuoi assaggiare il famoso vino Sturm, non c’è momento migliore per andare per locande o addirittura viaggiare in treno per i vigneti al di fuori di Vienna.

Se consideri di andare nel periodo invernale-natalizio.
I mercatini si aprono infatti a metà novembre, e a dicembre, arrivano branchi di turisti che si dirigono verso questi mercati, quello in Rathaus City è il più popolato e affollato.
Allo stesso modo degli altri mesi, un sacco di concerti e spettacoli musicali contribuiscono a creare un’atmosfera allegra e romantica del Natale. Ricorda, tuttavia, che l’inverno di Vienna è estremamente freddo,soprattutto durante il mese di gennaio,quindi portati pesanti vestiti da montagna, calze (essenziali sia per gli uomini che per le donne) guanti e annessi.

Come Pattinare sul Ghiaccio

Prima di entrare nella pista, controlla di avere l’equipaggiamento giusto. Ricordati che il ghiaccio è duretto e che tutti fanno qualche ruzzolone all’inizio. Quindi indossa sempre protezioni per ginocchia e per gomiti, e guanti imbottiti. Assicurati che i pattini siano della misura giusta e non sfreghino sui talloni. Le dita dei piedi devono essere ben distese.

La prima volta devi innanzitutto imparare a stare in equilibrio. Se possibile, vai con un’amica che sappia già pattinare, appoggiati a lei e fatti tirare per abituarti alla sensazione che dà scivolare sul ghiaccio. Per avere più equilibrio tieni sempre le ginocchia leggermente piegate: non devi riuscire a vederti le punte dei piedi. Tieni le spalle leggermente in avanti, in linea con le ginocchia.

Cerca di stare rilassato, soprattutto nelle gambe: ti sarà più facile stare in piedi e ti farai meno male se cadi. Se senti che stai per cadere all’indietro, cerca di non allungare le braccia: meglio un livido sul sedere che un polso rotto! Per pattinare in avanti, sposta il peso sul piede sinistro e spingiti avanti con il piede destro in posizione diagonale.

Ripeti il movimento trasferendo il peso sulla gamba destra e spingendo con il piede sinistro. Sposta il corpo a ogni passo. Quando ti senti più sicuro, cerca di fare passi più lunghi. Con un po’ di esercizio presto scivolerai sul ghiaccio senza difficoltà. Il modo più facile per fermarsi è stendere indietro una gamba, premendo con la punta anteriore del pattino sul ghiaccio. Trascina il piede posteriore fino a fermarti.

Come Preparare una Ciambella Nocciolosa

Ciambella = colazione. E già direi che siamo a posto. Se poi ci aggiungiamo le nocciole… mmm, non vi viene voglia di tuffarla in una bella tazza di latte? 🙂 Va beh, se volete, potete anche mangiarla da sola… oppure, potete trasformarla in un dessert per la cena, impreziosendola con un po’ di panna montata da servire agli ospiti affianco alla loro fetta. Che dite? Si può fare?

Ingredienti:
200 g di farina per dolci (io ho usato quella per le “torte leggere” di Molino Spadoni che è una miscela contenente anche un po’ di fecola di patate)
100 g di burro
100 g di zucchero
180 g di nocciole tritate
3 uova
200 ml di latte (usate quello che preferite, io a volte uso quello di soia, a volte quello di mandorle…)
un pizzico di sale
una bustina di lievito per dolci

Come prima cosa, ho sbattuto i tuorli delle uova con lo zucchero e il burro, fino a ottenere un impasto bello spumoso. Poi ho aggiunto la farina, il lievito, il sale e il latte.

Ho tritato le nocciole e le ho aggiunte alla crema preparata finora e per ultima cosa ho incorporato, mescolando delicatamente, gli albumi montati a neve. Ho imburrato la teglia e ho infornato a 170° per 40 minuti circa.

Come Preparare Tortini di Pesche

Le pesche nettarine mi piacciono da impazzire, soprattutto cotte: emanano un profumo suadente, dolce e al tempo stesso “di carattere”… insomma, secondo me fanno bene al palato ma un po’ anche allo spirito! 😉 Ecco perché le ho usate in questi tortini, veloci da realizzare e perfetti per questa stagione.

Ingredienti per 12 tortini:
150 g di farina 00
80 g di zucchero di canna
80 g di burro
80 ml di latte (io questa volta ho usato quello di mandorle)
2 uova
2 pesche nettarine
una bustina di lievito per dolci

Ho sbattuto il burro con lo zucchero e vi ho incorporato le uova, il latte, la farina e il lievito. Poi ho lavato e fatto a fettine molto piccole le pesche, senza sbucciarle.

Le ho leggermente infarinate e le ho aggiunte all’impasto, che ho versato nei pirottini da muffins. Tutto in forno per 20/30 minuti circa e… che profumo.